My preferred

ladin - retoroman poets

 

 

Max Tosi and Josef Kostner

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sculpture in bronze by Josef Kostner

Josef Kostner
 

CUN LIZENZA!

CON PERMESSO!

Cun lizénza,
poss-n pa mo rujné gherdéina tlo da vo?
Savéis bén, ntléuta n' on-s mparà vel d' auter.
Ie ve priéss' bén bel
sce fussais tan bon
y che pudéss' v'l dì per gherdéina.
Canche néus ne son plu,
n' éis plu dré de audì chésc rujné.
Savéis bén, néus son mo mpue da zacan,
scuséis bén!
Mo n valgun ani,
po sarà-I bén na fin.
 
Savon bén, che ne i audiéis gén.
Sanbén aréis bén rejon,
l sarà bén drét coche vo uléis,
coche éis for ulù.
Mpue de paziénza,
mo n valgun ani.
 
Sén ntant priéss-i bén bel
cun lizénza,
sce pudéss' mo ve dì chésc per gherdéina;
po unirà-i bén miec,
éis-a bén rejon,
sciche 1' éis for abuda
 
- mo chisc tréi vedli,
tlo bén,
i jéuni ve fesc pa bén al sénn -
avréis bén mo mpue de paziénza,
cun lizénza!

 

Con permesso,
si può ancora parlare in gardenese qui da voi?
Sapete bene, una volta non si apprendeva altra lingua.
Vi prego gentilmente,
se foste così cortesi
che io potessi esprimermi in gardenese!
Quando non ci saremo più,
non avrete più motivo di udire questa lingua.
Sapete bene,
noi siamo ancora un po' del tempo andato;
scusateci!
Qualche anno ancora
poi tutto sarà finito.
 
Lo sappiamo che non gradite sentirla.
Certo, avrete ragione,
sarà ben giusto come volete voi,
come avete sempre voluto.
Un po' di pazienza
per qualche anno ancora.
 
Intanto adesso vi pregherei gentilmente,
con permesso,
se potessi ancora dirvi questo in gardenese;
poi andrà tutto meglio,
avete certo ragione,
come l'avete avuta sempre
 
- ancora questi tre vecchi
qui,
i giovani poi faranno a modo vostro -
avrete bene un po' di pazienza ancora,
con permesso!

 

 

Max Tosi

 
 
 
(«La usc di Ladins« 1 de Juni 1978, p. 22)
 

VIJITES VIA PER LA NUET

PRESENZE NELLA NOTTE

 

Ie vive debriéda cui morc, plutosc ch' pea cun i vivénc.

Sch' n parfem, a mi ntéur it' me fluternea si ana,

si ana ndesfajéibla y soava ch' per d' éila dejidréssa

na braceda d' chél amor ch' n sparpaniéia a duc i vénc.

 

Ne ie danz no tì tlusel tan ndlacià dla curtines,

ulache 1 miérmul trancia, t' chél ch' la nscrites mént,

ch' m' assauta scialdi deplù y cun majra tendrézia

chésc murmuramént mbusià de nosc spirc famìlieres.

 

T' pléina streda, al gran surédl, tì reciuc che trapina

dla fola ndaf areda, jvaiénta, ch' nes spénc y jburdla,

tan de iédesc che zachei m' à batù la man sun la sciabla,

enudéibl, ntan ch' 1 passa, me dijan: «Pénsa a néus!».

 

Sun la riva falca y scherpéusa, ulach' 1 mer s' la plura,

sui ciofes ulach' fladea mujel n sofì d' ansciuda,

ie éi mo for da nuef y si usc dejmana ch' ie aude,

sibe dulianza o cianzon, sandlot o ri, daniéura amanta.

 

Y sce me n vede ncantéur init' t' boscures scuténtes,

sot a n ciel danteréures, cun si luna nteurdlida,

t' chél nfurmiamént d' stlips lunénc ch' me jaminea,

fic y ciafuei ie véije y tosc arcunésc-i si uedli!

 

De séires, seuradut, chéles d' inviérn, dan al cénder

dl fudlé, sun chél ch' desfanta s' fruan revént 1 tizon,

ntléuta, canch' dal aut ju nchin ti bas dia gran césa

1 grief scuté tardivént t' uni majon ie plumbà,

 

coch' sc' i aspitéssa iló agrumei it' tla dumbrles,

tan n nia, ch' la brija nstéssa a buié tres la dsaradura,

éi me ruva cà a tlapes y ie fetr sciche n jejur

d' uciei, jbriscénc cun n jol morbe y fluchént sul tapet.

 

Duc mi defonc, mi care morc, a lingia longia, scutan,

éi se sénta ju, arlegan si uedli nscipei te mi uedli,

cun moto dulént dl prim, pona ténder y da cuntént

pernan che mi bona aculiénzia ti à retù de plén la fidanza.

 

Chéi ch' ie piéi via danora vén de reviérs per primes:

ch'l uem réidl ch' fova mi néine, mi pitla valénta I' ava,

che mantén viv's sot a la capa puntineda d' utantenera,

unf at bén sche tì scrin del cuer, brunsin's da sajon nevela.

 

Mi oma, fléura d' auril, dré massa riesc nflaceda,

mi bon pere, ch' à messù, él énghe, danz, m' arbanduné,

me lascian tlo per avéi gén, per patì y purdené,

n' ana d' orfen, defantuda, for duiéusa y temiénta.

 

Mi vedli maestri tan saurli cun 1 mut tralascià;

da chéi é-i mparà la forza y 1 drét duvier de viver

tla belézia di ciei y cun la stlarides di libri,

la créta tì daunì pervia dl amor dl passà.

 

Nscila `nghe la cater cares, chéles che sun la péina

dl poet for temagiat, bunderjént, desfiduziéus,

à springià ju la devuzions jentiles de si uedli,

me mantenian denitéusa 1' ana te mi falambra vita.

 

Depona i cumpanies liegri dl léur y dla speranza,

plu teniénc ch' ie, y tan plu biei, povester miéures,

che la cruva splaiénta 5' à téut pea a tradimént -

ch'sta pruzescion va se jlungian unì séira deplù.

 

Mo autri, autri da nuef... Y coche 1 un vén permez,

ie-l n remorder te mé, ch' tira dò cà n pentimént,

y ie arbasse ciafuel 1 fruent per ne messéi massa senti

la craunia che pudéssa trejlujer da si uedli.

 

O fertunei muciadives de chésc mont da ridéies,

per ve tenì su plu a la longia y per pudéi ve fé

1 furné davénn manco cruf cun n cumià plu ténder,

ne v' é-i ma amà de cuerménter coch' 1 tuchéss' da vester?

 

N' on-sa néus bén mescedà una cun 1' autra nost' anes?

1 uem, ncie 1 plu daviért, ie for mo massa dsarà pro

per seurandé dut si cuer `nghe al cuer 1 plu amà;

la udledes ie tan fréides y la paroles cie rebeles!

 

Nsci ie preie i defonc, nsci damand-i a d' éi

perdon per ne vester de gra y pervia de mi dejmincénzia,

acioch' ti dis ch' ie bele daujin a cumplì 1 destin dl mortel

si tleménzia me tole su y si bontà m' aspiete.

 

Y ti chéul ulach' la lampa s' ndeblésc, é-i pudù udéi

si paléur flurì te n suris y si braces lonc se sténder,

per me tré limpea tla dumbria, ulach' me pèr d' nténder

jejuré, tì pié via, 1 cherdé che nes dona speranza.

 

Vivo in compagnia dei morti più che insieme coi vivi.

Come un profumo, l'anima loro intorno mi aleggia,

anima indisfacibile e soave, che vorrebbe per sé

un abbraccio di quell'amore che la gente disperde nel vento.

 

Ma non è tuttavia nei vialetti gelati dei cimiteri,

dove il marmo vaneggia e le sue epigrafi mentono

che m'assale assai e con più grande tristezza

questo mormorio inquieto dei nostri spiriti famìliari.

 

In piena strada, sotto il sole, nel risucchio travolgente

della folla, indaffarata, rumorosa, che ci spinge e ci preme,

quante volte qualcuno mi ha battuto una mano sulla spalla,

mentre passava invisibile, dicendomi: « Pensa a noi! ».

 

Sulla sponda pallida, franta, dove il mare è nel lutto,

sopra i fiori, dove alita morbido un soffio di primavera,

sono essi sempre e la loro voce distante che io odo,

sia lamento o canto, sia singhiozzo o riso, pieno sempre d'amore.

 

E quando mi aggiro nel fitto di boschi silenziosi,

sotto a un cielo al crepuscolo, con la sua luna velata,

in quel brulichio di raggi luminosi che mi osservano,

fissi e profondi io scorgo e subito riconosco gli occhi loro.

 

Nelle sere, soprattutto, d'inverno, davanti alla cenere

del camino, su cui si sfa, consumandosi, rovente un tizzone,

allora, quando dall'alto della gran casa giù fino al basso

il silenzio pesante notturno in ogni stanza è calato,

 

come se attendessero là, ammucchiati nell'ombra,

un nulla, quasi nevischio che per la serratura sfarini,

arrivano qui in folla, ed è quasi come un brusio di uccelli

scivolanti in un volo morbido e fioccante sul tappeto.

 

Tutti i miei morti, i miei cari morti, in fila lunga, in silenzio

si seggono giù, immergendo i loro occhi lucenti nei miei occhi,

quasi dolenti dapprima, poi teneri e lieti

appena la mia buona accoglienza restituisce lor la fiducia.

 

Quelli che per primi son morti ritornano per primi:

l'uomo onesto che fu mio nonno, la mia piccola meravigliosa nonna,

che conserva vive, sotto la cuffia trinata da ottuagenaria,

come nello scrigno del cuore, campanelle di stagione novella.

 

La mamma, bocciolo d'aprile, troppo bruscamente appassito;

il mio buon padre, che ha dovuto anche lui abbandonarmi,

lasciandomi qui ad amare, soffrire e perdonare,

un'anima orfana, innocente, sempre dogliosa e temente.

 

I miei vecchi maestri, così buoni con quel ragazzo isolato.

Da essi ho appreso la forza e il giusto dovere di vivere

nella bellezza dei cieli e con la luce dei libri,

la fede nell'avvenire grazie all'amor del passato.

 

E anche le quattro donne care che sulla sofferenza

del poeta timido sempre, vagabondo e sfiduciato,

l'affetto gentile versarono degli occhi loro,

conservandomi dignitoso lo spirito nella incostante vita.

 

I compagni, poi, allegri, del lavoro e della speranza,

più costanti di me, e tanto più belli, forse migliori,

che la feritrice crudele si è presi via a tradimento ...

questa processione diviene più lunga ogni sera di più.

 

Altri ancora, ancora altri... E non appena uno s'accosta,

nasce un rimorso in me, che provoca un pentimento;

e curvo in basso la fronte, per non dovere troppo avvertire

il rimprovero che trasparire potrebbe dallo sguardo suo.

 

O fortunati voi, fuggiti da questo mondo cattivo,

per trattenervi più a lungo e per potervi rendere

il vostro svanir meno crudo con un commiato più tenero,

non vi ho amato forse di cuore nella misura dovuta?

 

Non abbiamo ben fuso l'una con l'altra le anime nostre?

L'uomo, anche il più aperto, è troppo chiuso pur sempre

per affidare tutto il suo cuore anche al cuore più amato.

Gli sguardi son così freddi, e le parole come sono restie!

 

Così io prego i defunti, così a loro io chiedo

perdono per non essere grato, perdono per essere immemore,

acché nei dì che sono vicini al compirsi del destino mortale

la loro clemenza mi accolga e la loro bontà mi attenda.

 

E nell'avello, dove la lampada perde vigore, ho potuto vedere

il lor pallore fiorire in sorriso e le lor braccia protendersi lunghe

per trarmi seco nell'ombra, dove mi par di sentire

sussurrare, nel separarsi, il richiamo che ci dona speranza.

 
 
From: Walter Belardi
ANTOLOGIA
DELLA LIRICA
LADINA DOLOMITICA - BONACCI EDITORE ROMA 1985
 

more on Max Tosi a naive painter

home

Top page